EnglishCancella i cookie per ripristinare le impostazioni di lingua associate al browser in uso
Titolo/Abstract/Parole chiave

Stanley Kubrick e le Arti visive. Da 2001:Odissea nello spazio a Eyes Wide Shut.

Matiz, Laura (2011) Stanley Kubrick e le Arti visive. Da 2001:Odissea nello spazio a Eyes Wide Shut. Tesi di Dottorato , Università degli Studi di Ferrara.

[img]
Anteprima
File PDF
tesi dfinitiva.pdf

Download (57MB) | Anteprima

    Abstract

    Il presente lavoro di ricerca si è concentrato sulla produzione cinematografica del regista americano Stanley Kubrick da 2001:odissea nello spazio (1968), a Eyes Wide Shut ( 1999). La formazione di fotografo e gli scatti per la rivista «Look» dal 1945 al 1950 costituiscono fonti importanti di studio per addentrarsi nell’analisi delle sequenze cinematografiche. I numerosi rapporti tra le immagini create da Stanley Kubrick e le arti visive vengono approfonditi alla luce delle recenti mostre itineranti (Roma, 2007; Milano, 2010) che hanno esposto materiali e scatti fotografici appartenenti al regista. Due importanti volumi editi da Taschen per Alison Castle (2005;2009) hanno raccolto parte dei documenti che permettono di allargare gli orizzonti della ricerca e dell’analisi dei testi filmici kubrickiani. Il parallelo visivo tra i fotogrammi (o le sequenze-fotogrammi) e una determinata opera d’arte si arricchisce della metodologia di Aby Warburg applicata allo studio della storia dell’arte. Le tavole dell’Atlante warburghiano e la possibilità di leggere le sequenze create da Stanley Kubrick come immagini di Mnemosymne, completano il tradizionale confronto, già avviato in sede critica, tra sequenze e arti visive. This thesis focuses on five movies directed by Stanley Kubrick from 1968 to 1999. The passion for taking pictures in his youth became a profession and Kubrick worked as a photographer for «Look» magazine between 1945 and 1950. These images will develop in a cinematic form in the following years. The exhibitions that took place in Rome in 2007 and Milan in 2010 showed new documents and materials that belonged to the director. Alison Castle and Taschen published, in the last decade, two very important volumes which stress the link between the movies and the visual arts. Aby Warburg’s theory on art history (Mnemosyne) shows a new way to deal with images. Kubrick’s movies can be analyzed through Warburg theoretical framework.

    Tipologia del documento:Tesi di Dottorato (Tesi di Dottorato)
    Data:13 Aprile 2011
    Relatore:Boschi, Alberto
    Coordinatore ciclo:Fabbri, Paolo
    Istituzione:Università degli Studi di Ferrara
    Dottorato:XXII Anno 2007 > MODELLI, LINGUAGGI E TRADIZIONI DELLA CULTURA OCCIDENTALE
    Struttura:Dipartimento > Scienze umane
    Soggetti:Area 10 - Scienze dell'antichita', filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ART/06 Cinema, fotografia e televisione
    Parole chiave:Stanley Kubrick, arti visive, iconografia
    Depositato il:13 Apr 2012 14:58

    Staff:

    Accesso riservatoAccesso riservato